Indicizzazione e posizionamento siti web e blog

I primi 10: Le prime dieci cose più ricercate in internet nel 2010

Facebook al primo posto

Facebook batte tutti, è la parola più ricercata in internet nel 2010. Ma che cos è?
E' una rete sociale ad accesso gratuito. Il nome nasce dagli annuari con le foto di ogni singolo soggetto che alcuni college e scuole statunitensi pubblicano all'inizio dell'anno accademico e distribuiscono ai nuovi studenti ed al personale della facoltà come mezzo per conoscere le persone del campus.
Secondo i dati forniti dal sito stesso, nel 2010 il numero degli utenti attivi ha raggiunto e superato quota 500 milioni in tutto il mondo. Nasce nel 2004 ma conseguisce un utile economico solo nel 2009.
Per la cronaca, è uno dei pochi siti ad avere Page Rank 10/10.

Quale è stata le progressione economica di Facebook?
A inizio 2010 l'azienda è stata valutata a 14 miliardi di dollari.
A metà 2010 25 miliardi di dollari.
Nel novembre 2010 si attesta ad un valore stimato di 41 miliardi di dollari.
Il giorno 3 Gennaio 2011, Goldman Sachs (una delle più grandi e affermate banche d'affari del mondo) investe in Facebook 450 milioni di dollari facendolo rivalutare alla cifra astronomica di 50 miliardi di dollari.
Sicuramente notevole.

Ma come vive il sito visto che la registrazione degli utenti è gratuita?
Sicuramente trae guadagno dalla pubblicità, inclusi i banner. Anche se i ricavi monetari di Facebook non sono così elevati rispetto alle potenzialità di un servizio di rete sociale.
Altra fonte sono le numerose applicazioni, che hanno permesso la rapida diffusione di semplici videogiochi online gratuiti, arrivando a coinvolgere milioni di utenti nel mondo. Attenzione, le appicazioni sono gratuite ma sono a pagamento alcuni opzioni dei giochi che permettono di evolversi al suo interno più rapidamente.
In realtà probabilmente i succulenti introiti derivano dal monitoraggio continuo di Facebook della propria rete e degli utenti, diventando così la più grande azienda di valutazione statistica del mondo.
Statistiche che vengono commissionate da grandi aziende e che Facebook certo non regala.



Ma quali rischi si corrono su facebook?
La prima ad essere a rischio è sicuramente la propria privacy.
Nel maggio 2010, in seguito ad una presa di coscienza dell'azienda stessa, parte una revisione della gestione della privacy che aumenta leggermente la sicurezza: l'utente può impostare i diversi aspetti della privacy del proprio profilo.
Comunque due studenti del Massachusetts Institute of Technology riuscirono a scaricare più di 70.000 profili di Facebook utilizzando uno shell script automatico.
Nel maggio del 2008 un programma della BBC, Click, mostrò che era possibile sottrarre i dati personali di un utente e dei suoi amici con delle applicazioni maligne.
Numerosi sono i casi di creazione di falsi profili di personaggi famosi e di violazione della privacy per la pubblicazione di foto "scomode".
Alla fine di ottobre 2009 su Facebook, sono comparse ingiurie ed insulti da parte di un gruppo di discussione intitolato "Uccidiamo Berlusconi".
Sono stati creati vari gruppi che in passato hanno inneggiato a Salvatore Riina e al massacro di Srebrenica.
Nel maggio 2010 il Pakistan e il Bangladesh hanno deciso l'oscuramento di Facebook e Youtube per evitare la diffusione delle caricature del profeta Maometto.

fonte http://it.wikipedia.org/wiki/Facebook